lunedì 7 gennaio 2008

Esuberanza giovanile

Un minorenne deve rispondere dei reati di violenza privata e lesioni perché, tappando la bocca e strattonando un'operatrice scolastica, le impediva di chiamare e raggiungere un professore. L'operatrice vittima della violenza aveva subito anche lesioni personali.
Il GUP collegiale minorile dichiara non doversi procedere nei confronti dell'imputato per immaturità sulla base di questa motivazione:
L'imputato "ha agito in un contesto emotivamente coinvolgente senza rendersi conto dell'antigiuridicità del fatto e non riuscendo, attesa la giovane età, a calibrare la propria forza fisica".
Avviso agli operatori scolastici: attenti ai ragazzoni tutti muscoli; sono immaturi e non sanno calibrare la loro forza fisica!!!

1 commento:

Giuseppe Colaluce ha detto...

Complimenti per il blog. L'ho già inserito tra i preferiti. Ho letto con interesse tutti i post e - fra tanti degni di nota - ho eletto questo come il più divertente!